Il 756 in fuga oltre le Bocche di Bonifacio

by / Commenti disabilitati su Il 756 in fuga oltre le Bocche di Bonifacio / 671 View / 11 aprile 2016

Due notti e tre giorni passati in mare. La regata diventa lunga. La vita a bordo ha preso un ritmo, quello dei turni. Si dorme, si mangia, sempre si fa camminare la barca (quando un minimo di vento c’è) e sempre si pensa: ”dove sono gli altri, dove devo andare?”

Terza giornata in corso sotto il sole e con pochissimo vento. La seconda giornata, quella di ieri domenica, è stata decisiva nella ripartizione attuale della flotta. Ha aggravato la situazione dei ritardatari, un gruppo di 11 barche rallentato già la prima notte nel passaggio a Gallinara. Undici barche rimaste ferme per circa 20 ore, un vero e proprio campeggio Mini 650. E tutto questo mentre gli altri, le sei barche di testa (tre prototipi e tre barche di Serie), hanno potuto prima raggiungere la Corsica, poi guadagnare miglia preziose verso Sud nel vento leggero.

Alberto e Tommaso in fuga da domenica

Quella di ieri è stata una giornata importante anche per il leader, il prototipo 756 Promostudi-La Spezia di Alberto Bona e Tommaso Stella. Nell’atterraggio sulla Corsica, hanno deciso di virare per primi e di tirare un bordo verso Sud. Un bel rettilineo che ha permesso si staccare gli altri e continuare a guadagnare acqua questa notte e durante tutta la giornata di oggi.

12963927_1572345553094322_8039189604409560041_n

756 Promostudi La Spezia fotografato dalla barca assistenza Idomabile Pensiero nei pressi delle Bocche di Bonifacio

Con il 756, Alberto e Tommaso hanno passato le Bocche questa mattina poco dopo le ore 11.

Dietro Elima di Marco Nannini ed Elena Manni sta provando di passare le Bocche di Bonifacio tornando da un’opzione Ovest, mentre l’avversario diretto, Sailover/Paris-Texas di Enrico Paliaga e Carlo Marongiu, ha scelto una rotta più conservativa rimanendo sotto costa. Quale dei due ha avuto ragione?

Poco lontano da Paris-Texas, naviga Bea di Ernesto Moresino. Continua a guidare la flotta dei Mini di Serie ma l’equipaggio croato di Sisa 2 non sembra intenzionato a mollare la presa. Più complicato la situazione di Janaina che ha perso miglia tornando dalla sua posizione al largo.